LAZIO - 3

UDINESE - 0

LAZIO (3-5-2): Strakosha 6; Luiz Felipe 6, Acerbi 6, Radu 6; Lazzari 6.5, Milinkovic-Savic 6.5, Leiva 6 (30’st Cataldi sv), Luis Alberto 7 (35’st Anderson sv), Lulic 6.5 (19’st Jony 6); Correa 7, Immobile 7.5

In panchina: Proto, Guerrieri, Vavro, Bastos, Jorge Silva, Parolo, Adekanye, Caicedo

Allenatore: Inzaghi 6.5

UDINESE (3-5-2): Musso 6; Becao 5.5, Ekong 5, Nuytinck 5; Stryger Larsen 5.5, Mandragora 6, Walace 5.5 (31’st Barak sv), De Paul 5 (15’st Fofana 6), Samir 5; Nestorovski 5.5, Okaka 5 (37’st Teodorczyk sv)

In panchina: Nicolas, Perisan, Sierralta, Opoku, Ter Avest, De Maio, Kubala, Lasagna, Pussetto

Allenatore: Gotti 5.5

ARBITRO: Di Bello di Brindisi 6

RETI: 9’pt e 36’pt (rig.) Immobile, 46’pt (rig.) Luis Alberto

NOTE: giornata serena, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Ekong. Angoli: 2-2. Recupero: 2’pt, 3’st

 

ROMA - La Lazio a valanga sull’Udinese, allo stadio Olimpico finisce 3-0 per i biancocelesti che consolidano il 3° posto a quota 30 punti. Tutto nel primo tempo: apre Immobile al 9’, raddoppia l'azzurro su calcio di rigore al 36’ e lo imita Luis Alberto al 46’ sul dischetto. Per la punta napoletana 17 gol in campionato in 14 giornate: meglio di lui soltanto Angelillo con l’Inter nel 58/59 e Felice Placido Borel con la Juventus nel 33/34. La squadra di Inzaghi parte in quarta, galvanizzata dall’ottimo momento di forma e di risultati. Dopo aver riacceso la fiammella delle speranze di qualificazione ai sedicesimi di Europa League, grazie alla vittoria sul Cluj giovedì sera, l’obiettivo diventa consolidare il terzo posto in classifica che significherebbe Champions League. Il gioco è avvolgente, svariate le occasioni pericolose sin dall’inizio. Due interessanti tentativi di Correa, la bella punizione di Luis Alberto e ben presto il gol del vantaggio. La firma è la solita, Immobile segna l’1-0 biancoceleste già al 9’ spedendo in rete il suggerimento di Milinkovic-Savic. Nonostante la reazione dei friulani, che cercano il pareggio prima con Nestorovski e poi con Mandragora, è sempre la Lazio a fare la partita andando vicina al raddoppio.

A Immobile, sempre più capocannoniere della Serie A, arrivano un’infinità di palloni utili dai cinque alle sue spalle: Lulic e Lazzari mettono in mezzo dalle fasce mentre Luis Alberto, Correa e Milinkovic-Savic inventano sulla trequarti. La doppietta della punta napoletana arriva al 36’ su calcio di rigore, procurato da Correa per il fallo di Troost-Ekong: l’arbitro Di Bello lo assegna, chiamato dal Var, dopo aver rivisto il contatto in area. I biancocelesti dilagano prima della chiusura del primo tempo. Il tris è servito su un piatto d'argento dal secondo penalty, sul quale stavolta il fischietto di Brindisi non ha dubbi: Nuytinck commette fallo netto sempre su Correa. Sul dischetto si presenta Luis Alberto, che al 46’ sigla il 3-0 e mette il sigillo sulla partita. Mai doma la Lazio, nella ripresa l’Udinese rischia un passivo ancor più pesante: al 52’ miracolosa parata di Musso sul colpo di testa di Lulic, ottima occasione al 75’ per Correa. Gli uomini di Gotti costruiscono solo nell’ultima mezzora, senza essere realmente pericolosi. I biancocelesti festeggiano la sesta vittoria consecutiva in campionato (nono risultato utile) e mantengono saldamente il 3° posto in classifica.