SAMPDORIA - 0

ROMA - 0

SAMPDORIA (4-4-2): Audero 6; Bereszynski 6, Murillo 6, Colley 6, Murru 6; Rigoni 5.5 (15’st Depaoli 6), Ronaldo Vieira 6, Bertolacci 6.5 (28’st Ekdal 6), Jankto 5.5; Gabbiadini 5.5 (19’st Bonazzoli 6), Quagliarella 6. In panchina: Falcone, Augello, Chabot, Ferrari, Maroni, Barreto, Ramirez, Leris, Caprari

Allenatore: Ranieri 6

ROMA (4-3-1-2): Pau Lopez 6.5; Spinazzola 6, Mancini 6.5, Smalling 6.5, Kolarov 6; Cristante sv (8’pt Pastore 6.5), Veretout 6.5; Kluivert 5, Zaniolo 5.5, Florenzi 6 (30’st Perotti 6); Kalinic 5.5 (46’pt Dzeko 6). In panchina: Mirante, Fusato, Jesus, Fazio, Cetin, Santon, Antonucci

Allenatore: Campos (Fonseca squalificato) 6

ARBITRO: Maresca di Napoli 6

NOTE: pomeriggio mite; terreno di gioco leggermente pesante.Espulso: Kluivert, al 41’st, per doppia ammonizione. Ammoniti: Vieira, Bereszynski, Bertolacci, Mancini, Perotti. Angoli: 9-7 per la Roma. Recupero: 5’; 3’

 

GENOVA – Un punto per Claudio Ranieri al debutto sulla panchina della Sampdoria contro la “sua” Roma (sempre più incerottata), nel giorno del 68esimo compleanno, con un pareggio per 0-0. Scongiurato il rischio rinvio per maltempo, i blucerchiati - dopo il filotto di tre sconfitte consecutive costato l’esonero a Di Francesco - salgono a quota 4 ma non abbandonano l’ultimo posto in classifica. Il tecnico di Testaccio contro il suo passato (73 gare di serie A alla guida dei capitolini) lancia a sorpresa dal 1’ l’ex Bertolacci all’interno del 4-4-2, con Rigoni e Jankto sugli esterni. I giallorossi, privi di Fonseca in panchina e con defezioni in ogni zona del campo, vedono invece aggravarsi la situazione con il problema all’adduttore di Cristante, sostituito all’8’ da Pastore (oggi nell’inedito ruolo di mediano). L’ingresso dell’argentino è comunque positivo, al 20’ innesca Zaniolo, che supera Murillo ma sbaglia un comodo assist per Kalinic, anticipato in uscita da Audero.

La partita scorre via senza alcuna giocata di rilievo, spezzettata per i tanti falli e con ben quattro ammonizioni sventolate da Maresca, e sempre più complicata per i giallorossi, che nel recupero perdono per infortunio anche Kalinic: al 46’ è chiamato in causa quindi Dzeko, con maschera protettiva, dopo l’operazione allo zigomo. Nonostante le problematiche, la Roma prova a imporre il suo gioco in un avvio di secondo tempo tambureggiante. Ranieri decide di dare più equilibrio inserendo Depaoli per Rigoni: è proprio l’ex Chievo a impegnare Pau Lopez con una gran botta dal limite al 70’. Gli ospiti vanno a caccia dei tre punti e nel finale giocano la carta Perotti al posto del capitano Florenzi con il rischio di esporre il fianco alle ripartenze della Samp.

All’83’ Pastore sfiora il vantaggio con un bel destro da fuori; un minuto più tardi Smalling svetta di testa ma Maresca ferma tutto per un fallo su Ekdal al momento dello stacco. Kolarov, alla centesima presenza con la maglia della Roma, ci prova da posizione defilata ma la Roma resta in dieci per un ingenuo secondo giallo di Kluivert, che costringe i suoi compagni a un finale di sofferenza.

Pau Lopez, però, risponde presente sulla conclusione di Bonazzoli e dopo tre di recupero cala il sipario al Ferraris: i giallorossi rallentano ma restano in zona Europa, a -3 dal quarto posto (ultimo per la Champions), occupato dal Napoli.